i fotografi Balelli

 220px-Balelli_1898_famigliaLo studio fotografico Balelli fu attivo a Macerata dal 1851 al 1972, gestito da tre generazioni di fotografi: Carlo Balelli (1817–1883), il figlio Alfonso (1862–1937) ed il nipote Carlo (1894–1981).

 

 

Fondi fotografici Balelli

Il ricco patrimonio fotografico dello Studio Balelli è diviso tra la Biblioteca Mozzi-Borgetti di Macerata, la Biblioteca Statale di Macerata e gli eredi di Carlo Balelli (la moglie Giovanna e la figlia Emanuela).
Il Fondo Balelli della Biblioteca Mozzi-Borgetti è stato acquisito dal Comune di Macerata nel 1972 ed è costituito da positivi e negativi in bianco e nero e a colori e da lastre negative, per un totale di 6.025 unità. Successivamente negli anni 90 il Comune ha ampliato il Fondo con l’acquisto delle attrezzature fotografiche d’epoca, la strumentazione ottica e i libri di Carlo Balelli.
Il Fondo fotografico Balelli della Biblioteca Statale di Macerata, acquisito negli anni 1993-1994, è composto da oltre 11.000 pezzi, fra lastre fotografiche in vetro, pellicole piane e positivi.
La famiglia Balelli conserva un ampio Fondo che comprende positivi originali e negativi su lastra e pellicola, testimonianza di tutta l’attività dei fotografi Balelli, nonché documenti e un vasto carteggio epistolare.

Comments are closed.